Cogeneratori Wolf - Calore ed energia elettrica

  • Il cogeneratore è costituito essenzialemnte da un motore a combustione interna, da un generatore e dagli scambiatori di calore. 

    La fonte di energia primaria è rappresentata dal gas metano, dal GPL o dal biogas. Il motore a combustione interna a ciclo Otto aziona il generatore, convertendo l’energia meccanica in energia elettrica, che viene ceduta alla rete elettrica o direttamente agli utilizzatori. L’energia termica di raffreddamento del motore e dei gas combusti viene ceduta all’impianto termico. 

    La tecnica costruttiva di cogeneratori Wolf è la medesima per l’integra gamma di potenze: un telaio realizzato in profilati di acciaio accoglie nella parte superiore il gruppo motore/generatore, mentre nella parte inferiore sono, collocati gli scambiatori di calore ed i raccordi all’impianto di riscaldamento, all’alimentazione del gas e allo scarico gas combusti.

  • Uno scambiatore a piastre refrigera il motore, mentre uno scambiatore a fascio tubiero viene utilizzato per recuperare energia dai gas combusti ed è accoppiato al sistema di abbattimento delle emissioni.

    Un cogeneratore raggiunge un rendimento superiore al 90%, cioè è in grado di convertire il 90% dell’energia primaria consumata in calore ed elettricità. E, recuperando le perdite per irraggiamento, il rendimento può superare il 95%. In una centrale elettrica convenzionale, il rendimento oscilla tra il 30 ed il 40%. Il vantaggio è del tutto evidente.


Vantaggi che si fanno notare:

    • Potenza elettrica:
      7 - 2.000 kW
    • Potenza termica:
      18 - 1.970 kW
    • Gas naturale, biogas e gas da liquami
    • Efficienza fino al 90%*
    • Riduzione delle emissioni di CO2 di circa il 65% rispetto alle centrali elettiche convenzionali.
    • Circuito di refrigerazione motore separato idraulicamente dal circuito di riscaldamento, tramite scambiatore.
    • sistema di controllo e regolazione consente una gestione totalmente automatica dell’impianto